Fase 6: Indicazioni

  • Uno dei punti salienti alla fine dell'escursione sul CAI300 Capri nel mare blu profondo
    Uno dei punti salienti alla fine dell'escursione sul CAI300 - Capri nel mare blu profondo.

Da Schiazzano a Punta Campanella e ritorno

Questa bellissima escursione circolare ci porta alla "Punta Campanella" - la punta più occidentale dell'escursione in Costiera Amalfitana - e offre una splendida vista dell'isola di Capri quando il tempo è bello!

Di seguito descriviamo una variante corta e una lunga - quella più corta è adatta ad es. B. per un'ultima escursione mattutina il giorno della partenza seguita da un viaggio in autobus o in taxi fino a Sorrento. Tuttavia, entrambe le varianti possono anche essere ulteriormente estese percorrendo il bellissimo percorso per Sorrento nello stesso giorno. Il percorso escursionistico da Termini a Sorrento conduce lungo molti sentieri nascosti o piccoli sentieri attraverso giardini, uliveti e agrumeti e ne vale sicuramente la pena!

Nota sul materiale cartografico: Stranamente, questa parte della Costiera Amalfitana è solo insufficientemente mappata, almeno molte strade asfaltate che ovviamente esistono da anni non sono contrassegnate né su Google Maps né su OpenStreetMaps. Tuttavia, nella maggior parte degli alloggi sono disponibili mappe escursionistiche gratuite per la punta occidentale della Costiera Amalfitana, in cui sono segnalati questi percorsi. In alternativa, i biglietti sono disponibili online: www.massalubrenseturismo.it/it/cartine/.

Punto di ingresso/partenza

Naturalmente, il punto di partenza di questa tappa varia a seconda di dove soggiorni. Nella sezione seguente descriviamo il percorso escursionistico da Schiazzano perché siamo così entusiasti dell'hotel lì. Chi è rimasto fuori Schiazzano può facilmente orientarsi alla prima meta intermedia: la bianca cappella "Chiesa San Costanzo", che troneggia sull'omonimo colle, Monte San Costanzo, ben visibile da ogni parte.

Da Schiazzano camminiamo in direzione sud, cioè in salita oltre l'albergo "Lubra Casa Relax" fuori dal paese. Sul retro della collinetta raggiungiamo una strada, che seguiamo in salita verso destra per un breve tratto, per poi svoltare a sinistra dopo circa 100 metri (proseguire in salita, segnavia 1). Il sentiero ci regala bellissimi scorci a destra del Golfo di Napoli ea sinistra della baia di "Marina del Cantone", restringendosi gradualmente e diventando infine un sentiero, al termine del quale si raggiunge la località di Termini. Qui giriamo a sinistra e raggiungiamo la piazza principale con la chiesa, la fermata dell'autobus SITA e il bar (circa 30 minuti da Schiazzano, waypoint 2).

Da Termini alla Cappella Bianca

Usciamo da piazza Termini in direzione sud-est e all'incrocio a T svoltiamo a destra (indicazioni per “Punta Campanella”). Dopo una leggera curva a sinistra raggiungiamo il bivio successivo, dove svoltiamo a destra su sentiero diretto a "Punta Campanella" e sempre dritti fino alla bianca cappella "Chiesa San Costanzo", da dove si può scendere a "Punta Campanella". Proseguiamo dritto qui e incontriamo una scalinata che funge da scorciatoia per i tornanti del vialetto. Il sentiero è qui segnato con grandi frecce bianche sull'asfalto, ma noi camminiamo nella direzione opposta alla freccia. La salita da Termini alla cappella bianca dura circa 30 minuti.

Dalla bianca cappella "Chiesa San Costanzo" a Punta Campanella

Alla cappella bianca giriamo indietro e scendiamo di nuovo lungo il sentiero fiancheggiato da croci di legno. Tuttavia, dove l'Holzkreuz-Weg gira a destra (waypoint 3), teniamo dritto e attraversiamo la pineta parallela alla strada. Il sentiero è molto ben segnato in bianco e rosso qui e con un po' di fortuna possiamo anche vedere un cartello sbiadito che indica un sentiero escursionistico CAI-300. Agli incroci, dovresti sempre usare la codifica a colori come guida, ci sono alcuni altri percorsi sbagliati che non portano oltre.

Il sentiero CAI 300 segnato in bianco e rosso ci porta fuori dalla pineta sul crinale, che presto ci offre una splendida vista su Capri. Dato che siamo relativamente in alto sul mare, la vista dell'isola vicina sembra un po' più surreale “dall'alto” che direttamente dal faro di “Punta Campanella”, che è quasi al livello del mare. Sulla sinistra vediamo il promontorio della riserva naturale "Baia Di Jeranto".

Diramazione alla variante breve

Se la splendida vista di Capri dall'alto è sufficiente o se si ha meno tempo o condizione fisica, si consiglia di tenere gli occhi aperti sul crinale dopo una svolta a destra (circa 30 minuti dopo la cappella bianca). Un cartello incastonato nel terreno ci mostra il bivio per la variante breve (waypoint 4). Con la variante breve risparmiamo circa 250 metri di discesa e salita e circa 1,5 ore di tempo, senza perderci nulla di veramente essenziale di questa tappa. La variante breve riporta a Termini in circa 30 minuti.

Variante lunga: discesa a Punta Campanella

Per la variante più lunga seguiamo il sentiero dritto e sempre in discesa. La destinazione "Punta Campanella" con una vecchia torre appare presto e si raggiunge dopo circa 1,5 ore (calcolato dalla cappella bianca).
La via del ritorno dalla "Punta Campanella" riporta a Termini attraverso un sentiero escursionistico ben sviluppato e molto popolare tra gli escursionisti (ca. 1 ora di salita).

Tornando a Termini, c'è la possibilità di raggiungere Sorrento con il collegamento bus SITA (di solito al massimo una volta all'ora e purtroppo meno frequentemente all'ora di pranzo, quindi è meglio informarsi sugli orari di partenza al più tardi durante il tragitto!).

Fatti sulla fase 6

Altitudine:

variante lunga: 685 m di salita / 955 m di discesa

versione breve: 445 m di salita / 720 m di discesa

Durata: variante lunga: 5:15h / variante breve 3:45h (ciascuna senza pause)
Guarda anche Profilo altimetrico in dettaglio

Download del percorso GPS per la fase 6 - versione breve

Download del percorso GPS per la tappa 6 - variante lunga

Soste di ristoro lungo il percorso

Numerosi sono i punti di ristoro (bar o ristoranti) lungo il percorso, ad esempio a Termini, Schiazzano, Massa Lubrense e naturalmente a destinazione Sorrento.

La cappella bianca "Chiesa San Costanzo" visibile da lontano è una tappa intermedia della tappa 6

La riserva naturale "Baia Di Jeranto"

Ancora e ancora Capri - particolarmente impressionante dall'alto!

Vicolo cieco con segnaletica inglese: questo è esattamente il punto in cui camminiamo!

Da Termini ritorno a Schiazzano

Lasciamo la piazza principale di Termini in direzione ovest, superiamo l'ufficio postale e seguiamo la promettente curva a destra, che si trasforma in una brusca curva a sinistra. Esattamente nella svolta a sinistra si dirama la piccola "Via di Padri", inconfondibile per via di un cartello senza uscita con sottotitoli in inglese (waypoint 5). Seguiamo la "Via di Padri" in cemento, ma poco dopo lasciamo la pista in cemento a destra su un sentiero, a questo punto è cementato un cartello piastrellato per "Sorrento".

Poco dopo incontriamo di nuovo un sentiero lastricato, che seguiamo a destra (brevemente in salita) e poco dopo svoltiamo a sinistra in discesa in corrispondenza di un cancello di ferro decorato (waypoint 6).

Alla fine di questo sentiero, che conduce direttamente nel vialetto di una casa privata, il nostro sentiero escursionistico si stacca bruscamente a destra. Se guardi da vicino, troverai un cartello "U-Turn" in cemento sulla ringhiera di legno in direzione di Sorrento, che ci mostra la strada giusta (waypoint 7). Attraverso un piccolo avvallamento seguiamo il sentiero che ci conduce tra vigneti e uliveti e su un tratto in cemento nei pressi di una lunga casa. La "Via Turiello" si dirama da questa casa, ma noi proseguiamo dritto. Il prossimo incrocio è il "Vicolo Barbarella" (waypoint 8). Il "Vicolo Barbarella" ci riporta a Schiazzano in cinque minuti (tratto da Termini a Schiazzano: ca. 40 min).

Da Schiazzano a Sorrento

Tuttavia, se vuoi continuare l'escursione direttamente a Sorrento e non vuoi fare una pausa pranzo a Schiazzano, non svoltare nel "V. Barbarella” ma proseguire dritto. Il sentiero ci conduce ancora in discesa, oltre un piccolo ruscello e poi a sinistra in salita fino a S. Maria (ca. 15 minuti da Schiazzano).

A S. Maria incontriamo direttamente la chiesa, metà della quale giriamo intorno, poiché il nostro sentiero escursionistico prosegue in diagonale opposto come una bella scalinata (di fronte alla casa con il cancello sulla destra, waypoint 9). Tuttavia, rimaniamo sulla scala solo per poco tempo. Prima che questo ci porti troppo in basso, svoltiamo a destra su uno stretto sentiero del giardino ("Via Sant'Aniello Vecchio", waypoint 10), che ci premia con splendidi panorami e in un piccolo arco ma tende a portare dritto a Massa Lubrense. Il vialetto del giardino ci conduce quasi improvvisamente fuori dal verde in un vicolo stretto, dove giriamo a sinistra in "Via Mortella" (questa inizia davanti alla casa con il cartello stradale ben visibile "Via Maldacea", ma prendiamo l'altra strada denominata " Via Maldacea" presso questa casa "Via Mortella", waypoint 11).

A Massa Lubrense (ca. 30 minuti da S. Maria) incontriamo un quadrato verde triangolare, che lasciamo all'estremità "corta", leggermente più in alto, a nord. Dopo pochi metri svoltiamo (poco dopo un edificio delle poste italiane) in "Via Molini" (waypoint 12). In corrispondenza di un muro con una torretta e un'immagine sacra (waypoint 13) teniamo la destra e d'ora in poi seguiamo la strada che viene utilizzata solo sporadicamente da Vespe e auto più piccole. Questo serpeggia attraverso giardini e oltre una scuola e ci conduce tortuosi ma senza voltare l'ultima collina a Sorrento.

Il prossimo punto di riferimento importante in questa sezione del sentiero è raggiunto da "Massa Lubrense" dopo circa 30 minuti: arriviamo a una strada trafficata più ampia (waypoint 14). Il nostro sentiero prosegue qui direttamente di fronte, dopo circa altri 5 minuti iniziano serpentine o gradini con una splendida vista di Sorrento e della baia di "Marina Grande". Alla fine dei tornanti, vediamo una casa molto stretta decorata con merli. Dietro questa casa scende una scala poco appariscente. Il fatto che non si tratti di una scala di accesso privata può essere riconosciuto solo dalla presenza di un cartello stradale ufficiale con la scritta "1ª Trav Capo" (waypoint 15).
Dopo pochi passi raggiungiamo il centro storico di Sorrento e, dopo tanti giorni di escursioni nella natura, siamo di nuovo circondati dal turismo internazionale.

Mancia: Nel caso in cui doveste tornare a Napoli in nave e quindi doveste andare al porto: Il sentiero più bello porta al porto partendo dal lungomare dietro la chiesa di San Francesco. Qui c'è un piccolo sentiero per i pedoni, integrato nella scogliera, che scende al porto lungo i ponti prendisole.

Cartello stradale "Vicolo Barbarella" a Schiazzano

Sul versante soleggiato - Tappa 6 tra Massa Lubrense e Sorrento

La passeggiata sugli scogli di Sorrento